Immersioni Subacquee in Sicurezza…

Come fare immersioni subacquee in SICUREZZA?

Questa attività e ricchissima di soddisfazioni, ma non va mai sottovalutata, se intrapresa con la giusta preparazione è quasi impossibile avere problemi. L’errore e per il 90% umano.

Allora cosa fare per divertirsi senza incorrere in pericolosi guai?

La prima cosa da sapere non ci si deve immergere senza prima aver affrontato un corso sub.

La seconda, è che il corso non può durare 2 giorni, va da se che non potete garantirvi il corretto apprendimento in poco tempo. Purtroppo, sovente incontro persone che hanno preso il brevetto in 2 giorni durante una vacanza in qualche paese tropicale, fanno 5/10 immersioni in acque calde e trasparenti, tornano a casa con un bel tesserino e la convinzione di essere subacquei. Personalmente ho visto il panico in una di queste persone quando ha fatto un’immersione nel Mediterraneo, l’ambiente era decisamente diverso e lui non era preparato ad affrontarlo.

 

Allora perchè, se tutti teniamo alla nostra vita la mettiamo in gioco in questo modo?

Bisogna conoscere molto bene le regole del gioco, perchè sono davvero importanti per evitare il peggio. Di seguito vi elenco alcune tra le problematiche che bisogna conoscere per garantirsi il divertimento senza incidenti:

L’immersione subacquea deve essere vista come una attività divertente e rilassante:


per questo motivo si considerano immersioni sportive, con rischi minimi di malattia da decompressione (MDD) e di narcosi da azoto, quelle effettuate non oltre i 20 metri, rispettando la curva di sicurezza, effettuate da subacquei con una buona preparazione fisica e tecnica.

 

Per effettuare immersioni in sicurezza è bene seguire le seguenti norme:

– Sottoporsi a visita medica di idoneità : non debbono risultare patologie incompatibili con le immersioni.

Prima della immersione:
– Evitare l’abuso di alcool, che diminuisce la tolleranza al freddo e alla fatica e che ha un effetto disidratante
e diuretico.
– Prevenire la disidratazione che può essere frequente nei mesi estivi, bevendo abbondantemente prima e
dopo l’immersione.
– Evitare prolungate esposizioni al sole immediatamente prima dell’immersione.
– Evitare affaticamento e stress psicofisici eccessivi.
– Evitare l’uso di alcuni farmaci e di sostanze stupefacenti.

 

Durante l’ immersione:
Rispettare le tabelle e le velocità di discesa e risalita.
– Evitare l’affaticamento, che determina un aumento dell’assorbimento dell’azoto.
Evitare variazioni frequenti di quota.
– Proteggersi dal freddo, che causa vasocostrizione, disidratazione ed è un fattore di stress che provoca
l’aumento della attività cardiocircolatoria.

 

Durante la risalita :

– Mantenere una velocità di risalita non superiore a 10 metri al minuto o comunque rispettare gli allarmi
degli strumenti.
– Effettuare sempre una sosta aggiuntiva, di 3 minuti a 3 metri (sosta di sicurezza).

 

Dopo l’ immersione:

– Evitare sforzi fisici eccessivi.
Non immergersi in apnea dopo un’immersione con A.R.A.
Non volare dopo un’immersione.
– Ristabilire la normale temperatura corporea.

Non spaventatevi, la maggior parte di queste regole le applicheremo in automatico, ma solo dopo una giusta preparazione e con il corso giusto.

Allora cosa  aspetti? Fai un vero corso subacqueo
Buon divertimento

About Marco

Istruttore CMAS M2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *